Vittorio Arrigoni: quattordicesima udienza del processo

Vittorio, ancora una udienza-lampo

di Michele Giorgio

Gaza, 02 aprile 2012
Si annunciava una udienza affollata questa mattina alla corte militare di Gaza city. Dopo la sospensione del processo agli assassini di Vittorio Arrigoni decisa il mese scorso dalle autorità di Hamas per motivi di sicurezza – i raid aerei israeliani su Gaza – ci si attendeva una ripresa nel segno della concretezza. Anche perché a Gaza circolano voci che vorrebbero il processo chiuso entro breve, poco dopo l’anniversario (15 aprile) dell’assassinio di Vittorio. E invece le cose sono andate come sempre. La solita udienza-lampo. Stavolta in aula non mancavano i testimoni convocati dalla difesa, come è spesso capitato in passato, ma gli stessi avvocati dei quattro imputati. E’ stato nominato un avvocato di ufficio che però, non avendo seguito il “caso”, ha chiesto e ottenuto il rinvio per poter leggere gli atti. Prossima udienza il 12 aprile.

Se il processo procede a passo di lumaca, invece a Gaza vanno avanti speditamente i preparativi delle tante iniziative per l’anniversario dell’uccisione di Vittorio, che si svolgeranno in contemporanea con il programma in fase di definizione in Italia. Preparativi che devono tenere conto anche della gravissima crisi energetica che colpisce da settimane Gaza, dove l’elettricità, a causa della mancanza di combustile, viene erogata solo poche ore al giorno.

Da Nena News

Annunci